Galveston

Progetti audiovisivi

Il nuovo strumento per la post produzione: BlackMagic Da Vinci

Posted by on Mag 23, 2017

Quando si parla di post produzione professionale il primo nome che viene in mente è il Da Vinci Resolve. Si tratta di un software molto sofisticato che è già stato usato ad Hollywood per la lavorazione di molti film e telefilm; questo non significa però che non possa essere usato anche da tutti coloro che desiderano disporre di uno strumento di altissima qualità per perfezionare i propri video. Tanto più che da poco la BlackMagic, l’azienda che produce il programma, ha rilasciato l’ultima versione, il Da Vinci Resolve 14, gratuita, e il Da Vinci Resolve Studio 14, a pagamento. Il prodotto è stato presentato al NAB (National Association of Broadcasters) Show di Los Angeles ed è poi stato immesso sul mercato al prezzo di 299, 99 euro per la versione Studio. Una cifra non eccessiva per uno strumento versatile e completo: ecco le sua nuove caratteristiche, che implementano quelle già possedute anche nelle versioni precedenti. Il primo aspetto interessante di Da Vinci Resolve è che in un unico prodotto si ottengono le stesse funzionalità che solitamente vanno ricercate in tre software differenti. Con il Da Vinci infatti si possono correggere e mettere a punto tre aspetti fondamentali di ogni produzione video, ovvero l’editing, il colore e l’audio. Il flusso di lavoro però è ininterrotto, ovvero si possono curare i tre aspetti in contemporanea. Allo stesso progetto possono collaborare più persone nello stesso momento, poiché il programma funziona in parallelo. Riuscire a lavorare in contemporanea non è mai stato così facile: Da Vinci sfrutta tutte le potenzialità offerte dalla GPU della macchina su cui si lavora ed ha una latenza moto bassa: la sincronia delle modifiche che vengono effettuati dai vari partecipanti al progetto è pressoché perfetta. Qualche sia il formato video che si sta editando, anche ad esempio un 4k, non si notano differenze sostanziali nella velocità di aggiornamento. La parte audio è una delle più interessanti perché si basa sui sistemi Fairlight, che sono quelli maggiormente utilizzati negli studi di post produzione. Si tratta di un insieme di supporti per registrare e perfezionare l’audio, attraverso funzioni di missaggio, routing e masterizzazione. Con Fairlight si possono gestire fino a 1000 tracce nello stesso momento; si possono registrare fino a 96 canali mentre ne vengono riprodotti anche 150. Fairlight inoltre permette la personalizzazione dei comandi, in modo tale che certe operazioni standard possano essere automatizzate per ottenere un risultato coerente su diverse tracce. Le potenzialità del sistema sono praticamente infinite. Si possono registrare voci singole durante un’esecuzione corale; curare il post editing di video e audio senza avere alcun rallentamento e gestendo molteplici tracce in un unico flusso di lavoro. Il lavoro di cooperazione viene facilitato dalla possibilità offerta dal programma Da Vinci di poter salvare quello che si è realizzato in cartelle separate che non si sovrappongono. I vari collaboratori ad un progetto possono comunicare tra di loro grazie ad un sistema di chat interna più sicura e funzionale di altri software esterni come ad esempio Skype. La collaborazione viene favorita anche dal fatto che le tracce sono sovrapponibili e non sono bloccate. Ognuno può apportare in ogni momento tutti i cambiamenti che desidera e che ritiene opportuni. Per quel che riguarda l’immagine, ci sono moltissimi filtri che si possono usare per migliorare i colori o conferire una patina particolare. BlackMagic ha messo a disposizione anche delle guide da poter usare per imparare ad usare il programma Da Vinci in tutte le sue potenzialità, e ha fatto sapere che attiverà anche dei corsi di formazione e perfezionamento.

Read More

Lumbeyard, il motore grafico di Amazon che dà vita ai giochi

Posted by on Mag 3, 2017

Un motore grafico totalmente gratuito, con una piattaforma multifunzionale in grado di creare giochi in 3D. Amazon tenta di entrare nel mondo del games developement offrendo un prodotto, utilizzabile in modo gratuito, ma con delle condizioni specifiche, tipo quella di sfruttare la funzionalità del calcolo.

Come appena detto, Lumbeyard è un motore grafico che consente di dar vita a giochi in 3D e sfruttare tutte le potenzialità dei video streaming di Twitch. Il mercato è bello caldo e la potenza Amazon gli ha buttato gli occhi e non solo: infatti, con questo prodotto totalmente gratis, il colosso vuole entrare nel mondo dello sviluppo di giochi. Le uniche condizioni sono quelle di usare i servizi correlati di Amazon, come il servizio cloud, che per molti sviluppatori di giochi non causerà nessun tipo di problema.

Lumbeyard, secondo il suo creatore, permette di avere la totale concentrazione sul gioco, sviluppando anche attività legate al marketing e pensare sempre meno a tutto ciò che concerne gestione di server ed infrastrutture. Sono disponibili diverse funzionalità, tra cui tecnologie che permettono di creare mondi virtuali molto simili alla realtà, ottenendo anche effetti tipo nebbia, neve ma anche di fitta vegetazione.

Il network Gridmate presenta delle caratteristiche funzionali per questo progetto, come la flessibilità: inoltre, sono presenti funzioni per gestire suoni e tante altre attività che sono tipici di giochi e video games. Gli sviluppatori che utilizzeranno Lumbeyard di Amazon, godranno della gestione totale della memoria piuttosto che di CPU e grafica. Essendo anche nelle fasi iniziali, è disponibile un test per Windows ma, ben presto ci assicurano, che sarà disponibile anche per Android, iOS, Linux e OS X: sono uscite voci che questo engine abbia tutte le caratteristiche per supportare Oculus Rift.

C’è una curiosità che gira attorno all’utilizzo di Lumbeyard: oltre alle clausole legali classiche per l’utilizzo di questo tipo di prodotti, in questo prodotto Amazon è presente la clausola anti zombi, che specifica in quali campi può essere utilizzato Lumbeyard. A tal proposito, sono esclusi gli usi impropri per strumentazione aerea, medica piuttosto che quella nucleare e spaziale. Ma come procede il paragrafo 57.10, quello appunto della clausola anti zombi, Lumbeyard potrà essere utilizzato in caso di occorenza di un infezione virale che può provocare la rianimazioni di cadaveri umani.

Insomma, come ben si capisce, si tratta di qualche sviluppatore burlone che, dopo lungo e faticoso lavoro, ha voluto trovare il lato comico di questo progetto di Amazon. Tra le caratteristiche della piattaforma però manca il linguaggio Flash e anche quello HMTL5. Questo rende di fatto impossibile sviluppare sulla piattaforma Amazon degli istant games, come possono essere ad esempio i giochi di slot machine. Troverete i migliori esempi di questa tipologia di giochi all’indirizzo www.richslots.it. I colossi del settore come Net Entertainment e Microgaming, possono dormire sonni tranquilli.

Read More

I Mac e i computer Windows: due mondi a confronto

Posted by on Mag 3, 2017

Da quando l’uso dei computer si è diffuso nelle case di tutto il mondo c’è sempre stata una netta divisione in due schieramenti: da una parte c’è chi predilige i Mac, i computer messi a punto dalla nota azienda Apple; dall’altra c’è chi invece è fedele ai pc Windows e al loro sistema operativo. Volendo fare un confronto tra queste due realtà si può dire chi dei due sia il migliore, e quale sia la scelta più opportuna da fare nel momento in cui si volesse acquistare un nuovo pc? La risposta è no, poiché si tratta di due sistemi molto diversi sui quali non si può stabilire una differenza qualitativa, ma solo la risposta ad esigenze differenti che ogni utente deve poter valutare in assoluta autonomia. Cominciamo quindi a tracciare un elenco dei pregi e dei difetti di ognuno dei due sistemi per cercare di capire quali sono le caratteristiche in base alle quali poter effettuare una scelta. Da una parte ci sono i computer Mac, che usano il sistema operativo iOS. È ben noto come gran parte della fama e del successo della Apple siano da legarsi al suo fondatore e “guru” Steve Jobs; anche le vicissitudini del Mac si possono legare a quelle di Jobs. Quando venne immesso sul mercato per la prima volta, il Mac era l’ideale per tutti coloro che volevano fare dei lavori di grafica e di editing video. Il Mac ha un sistema sorgente che è molto coerente in se stesso, e funziona secondo meccanismi suoi propri. Il dispositivo calò decisamente di qualità nel periodo in cui Jobs fu assente dalla Apple; da quando vi ritornò, intorno alla metà degli anni novanta, conobbe un nuovo momento di gloria. In quel periodo furono creati anche i primi iPhone. Un’altra caratteristica peculiare dei Mac è l’aspetto grafico e di design, così come accade con tutti gli altri dispositivi Apple. Molto spesso chi sceglie un Mac lo fa anche per possedere un brand immediatamente riconoscibile. A dire il vero però negli ultimi anni, da quando Jobs è morto, le cose sono un po’ cambiate, soprattutto perché la concorrenza si è fatta molto più agguerrita. Passiamo quindi a parlare dei computer Windows, che rispetto ai Mac appaiono più disomogenei ma anche più versatili. Un computer Windows non è completo in sé, ma è aperto all’installazione di qualunque tipo di software al punto che si potrebbe dire che l’utente può plasmarlo a sua immagine e somiglianza. Anche per quel che riguarda l’editing video è possibile raggiungere dei livelli molto elevati. Spesso i computer Windows sono prediletti da chi vuole possedere una macchina capace di offrire le massime prestazioni dal punto di vista della potenza e della grafica. Inoltre, anche per l’estetica ormai non c’è più una grandissima differenza rispetto ai computer Mac, perché se in precedenza i computer Windows non si curavano molto del proprio design, ora le case di produzione fanno molta attenzione anche a questo, perché l’occhio vuole sempre la sua parte. In casa Apple quindi si cerca di correre ai ripari contro una concorrenza sempre più competitiva. Già si susseguono i rumors relativi al nuovo Mac Pro, del quale si vocifera che avrà caratteristiche altamente professionali. I programmatori Apple vogliono cioè tornare alle origini, poiché hanno scoperto che spesso gli utenti preferiscono usare un Mac ricondizionato che acquistarne uno nuovo.

Read More
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services

Share This

Share this post with your friends!