Galveston

Progetti audiovisivi

Gli artisti dello spazio

Posted by on Mar 27, 2017

Quando si parla di nuove scoperte astronomiche è naturale pensare subito alle incredibili opportunità che le nuove tecnologie hanno messo a disposizione del genere umano, consentendoci di esplorare i confini dello spazio profondo e perfino di ipotizzare di viaggiare nel cosmo alla scoperta di nuovi mondi. Quello a cui invece di solito non si pensa è fino a che punto l’uso del computer, in particolar modo della computer grafica, sia in grado di fornire un supporto indispensabile per immaginare i nuovi mondi che gli astronomi possono solo ipotizzare. Basti citare il caso più recente che è accaduto. Lo scorso 22 febbraio 2017 è stata diffusa una notizia che ha suscitato grande clamore nel mondo scientifico e non solo. Infatti è stato individuato un nuovo sistema solare, la cui stella centrale e i cui pianeti sembrano avere tutte le caratteristiche per poter ospitare la vita, tanto che sono stati definiti “gemelli” della Terra. In realtà è presto per avere un’idea precisa delle caratteristiche di questi pianeti, ma un grande aiuto agli studiosi viene proprio dall’arte digitale, per quanto questo possa apparire curioso. I pianeti in questione sono così distanti dalla Terra che i nostri mezzi, per quanto potenti, non sono in grado di rilevarne delle immagini fotografiche. Per poter immaginare il loro aspetto quindi non ci si può avvalere di altro che della fantasia: ma avere una visualizzazione grafica della loro superficie può essere di grande aiuto a studiosi e ricercatori. Ecco dunque che si scopre anche l’esistenza di una figura professionale che affianca gli scienziati e i ricercatori dello spazio: si tratta degli esperti di elaborazioni grafiche al computer, veri e propri artisti visuali che sono in grado di tradurre in immagini ciò che gli studiosi possono solo ipotizzare. Non si tratta di “opere d’arte” in senso stretto, poiché non sono frutto di pura fantasia e immaginazione. I mondi che gli artisti del computer riescono a creare, grazie all’ausilio di sofisticati software come Adobe Photoshop e LightWave 3D, e di strumenti accurati come le tavolette grafiche Wacom, sono elaborazioni plausibili di mondi reali, solo tanto distanti da noi da non poter essere fotografati. Robert Hurt, che insieme a Tim Pyle è stato chiamato a dare una raffigurazione dei nuovi pianeti scoperti dalla NASA, definisce i loro disegni dei “modelli plausibili”, che diventano un supporto prezioso per l’avanzamento della ricerca. Nel nuovo sistema solare, che è stato chiamato “Trappist” ci sono sette pianeti, ognuno dei quali possiede delle peculiarità che gli astronomi hanno potuto dedurre con ragionevole margine di errore in base ai dati che conosciamo. Ad esempio, l’atmosfera e il tipo di paesaggio si possono immaginare in base alla distanza che ogni pianeta ha dalla stella centrale, alle sue dimensioni e quindi dalla gravità ipotizzabile. In base a queste informazioni, che derivano da un lavoro che mette a stretto contatto scienziati e artisti, i disegnatori possono cominciare a disegnare la superficie dei “nuovi mondi”. Il modello a cui attingere è fornito dal nostro sistema solare, i cui pianeti sono ben conosciuti. Così i sette pianeti di Trappist hanno avuto una colorazione e una definizione conforme a ciò che si può dedurre sulla base delle osservazioni effettuate nelle passate missioni spaziali. Un’altra artista grafica creatrice di “mondi alieni” è Dänielle Futselaar che gode di una lunga e proficua collaborazione con l’Istituto SETI, il METI International, la NASA e ASTRON. La Futselaar dice di preferire maggiormente partire da un suo disegno, realizzato con la tavoletta Wacom, piuttosto che da una fotografia. Usare una foto come base può indurre le persone a credere che quella sia una rappresentazione reale del pianeta in questione; mentre deve essere chiaro che si tratta solo di un’elaborazione artistica.

Read More

Personalizzare lo sfondo del desktop

Posted by on Mar 13, 2017

Ogni device elettronico possiede una sua vita propria e racconta molto di noi che lo possediamo. All’interno di un computer, o di uno smartphone, sono immagazzinate immagini, file, informazioni che ci riguardano da vicino. Così, anche se dispositivi in tutto e per tutto identici al nostro ne esistono alte centinaia di migliaia, forse milioni, in tutto il mondo, si può però verosimilmente dire che ognuno di essi è unico e irripetibile. Forse per questo ci sono persone che cercano ogni modo possibile per personalizzare il proprio pc: una delle modalità più diffuse è il modding, che consiste nell’effettuare delle modifiche al case del computer. Il modo più semplice è invece quello di cambiare lo sfondo del desktop, ovvero l’immagine che appare ogni volta che accendiamo il nostro pc e che rimane fissa quando chiudiamo ogni programma e applicazione. Anche se sostituire il wallpaper è un’operazione che non richiede che poche e semplici operazioni ci sono persone che lo fanno assai di rado, o praticamente quasi mai, perché ciò che invece richiede una grande quantità di tempo è la scelta dell’immagine. Non è sempre facile trovare qualcosa che si adatti alle dimensioni o alla risoluzione del nostro schermo, o semplicemente che ci piaccia. La rete però può venire in aiuto anche dei più indecisi. Esistono infatti numerosi portali, dei veri e propri database di immagini, a cui attingere per poter visionare i wallpaper migliori che si trovino in internet, e poter usufruire anche di interessanti servizi aggiuntivi. Ad esempio, Stock Up è forse uno dei più forniti in assoluto, con ben 15 mila soggetti diversi tra i quali poter effettuare la propria scelta. Tutte le immagini sono libere da diritti d’autore e possono essere utilizzate senza problemi, e il materiale messo a disposizione, che deriva da altri 20 siti diversi, è ad altissima risoluzione. Stock Up è forse il sito dove bisogna perdere un po’ più di tempo nella ricerca; InterfaceLift invece è organizzato in modo molto razionale, con la possibilità di filtrare le immagini o per autore o in base alla risoluzione. Su InterfaceLift si possono trovare anche immagini per personalizzare lo sfondo del telefonino; il download di base è gratuito ma è anche possibile acquistare delle app molto utili che rendono automatica sia la scelta che l’installazione dello sfondo del desktop. Inoltre le app sono temporizzate, e cambiano periodicamente il wallpaper, attingendo al vasto database di InterfaceLift. Unsplash funziona invece con dei pacchetti di dieci fotografie che vengono rilasciati ogni dieci giorni. Si tratta di foto scattate da professionisti ma messe a disposizione in modo gratuito. Unsplash include anche un’app che funziona sui computer Mac che permette di cambiare sfondo in modo automatico. Un altro interessante database di immagini fotografiche è Pexels; ma per chi alle fotografie preferisce delle elaborazioni in computer grafica ci sono dei database dedicati adatti a loro. Si tratta, ad esempio, di Digital Blasphemy e VladStudio. Entrambe però offrono prevalentemente servizi a pagamento. Su Digital Blasphemy si possono trovare moltissime opera di computer grafica, ma per la maggior parte sono coperte dai diritti d’autore e quindi per poter visualizzare tutte le immagini disponibili è necessario acquistare un abbonamento. VladStudio ha alcune immagini disponibili in modo gratuito, ma anche in questo caso per poter avere più scelta è opportuno acquistare l’abbonamento, che comunque ha un costo piuttosto ridotto e accessibile.

Read More

Lumbeyard, il motore grafico di Amazon che dà vita ai giochi

Posted by on Mar 10, 2017

Un motore grafico totalmente gratuito, con una piattaforma multifunzionale in grado di creare giochi in 3D. Amazon tenta di entrare nel mondo del games developement offrendo un prodotto, utilizzabile in modo gratuito, ma con delle condizioni specifiche, tipo quella di sfruttare la funzionalità del calcolo.

Come appena detto, Lumbeyard è un motore grafico che consente di dar vita a giochi in 3D e sfruttare tutte le potenzialità dei video streaming di Twitch. Il mercato è bello caldo e la potenza Amazon gli ha buttato gli occhi e non solo: infatti, con questo prodotto totalmente gratis, il colosso vuole entrare nel mondo dello sviluppo di giochi. Le uniche condizioni sono quelle di usare i servizi correlati di Amazon, come il servizio cloud, che per molti sviluppatori di giochi non causerà nessun tipo di problema.

Lumbeyard, secondo il suo creatore, permette di avere la totale concentrazione sul gioco, sviluppando anche attività legate al marketing e pensare sempre meno a tutto ciò che concerne gestione di server ed infrastrutture. Sono disponibili diverse funzionalità, tra cui tecnologie che permettono di creare mondi virtuali molto simili alla realtà, ottenendo anche effetti tipo nebbia, neve ma anche di fitta vegetazione.

Il network Gridmate presenta delle caratteristiche funzionali per questo progetto, come la flessibilità: inoltre, sono presenti funzioni per gestire suoni e tante altre attività che sono tipici di giochi e video games. Gli sviluppatori che utilizzeranno Lumbeyard di Amazon, godranno della gestione totale della memoria piuttosto che di CPU e grafica. Essendo anche nelle fasi iniziali, è disponibile un test per Windows ma, ben presto ci assicurano, che sarà disponibile anche per Android, iOS, Linux e OS X: sono uscite voci che questo engine abbia tutte le caratteristiche per supportare Oculus Rift.

C’è una curiosità che gira attorno all’utilizzo di Lumbeyard: oltre alle clausole legali classiche per l’utilizzo di questo tipo di prodotti, in questo prodotto Amazon è presente la clausola anti zombi, che specifica in quali campi può essere utilizzato Lumbeyard. A tal proposito, sono esclusi gli usi impropri per strumentazione aerea, medica piuttosto che quella nucleare e spaziale. Ma come procede il paragrafo 57.10, quello appunto della clausola anti zombi, Lumbeyard potrà essere utilizzato in caso di occorenza di un infezione virale che può provocare la rianimazioni di cadaveri umani.

Insomma, come ben si capisce, si tratta di qualche sviluppatore burlone che, dopo lungo e faticoso lavoro, ha voluto trovare il lato comico di questo progetto di Amazon. Tra le caratteristiche della piattaforma però manca il linguaggio Flash e anche quello HMTL5. Questo rende di fatto impossibile sviluppare sulla piattaforma Amazon degli istant games, come possono essere ad esempio i giochi di slot machine. Troverete i migliori esempi di questa tipologia di giochi all’indirizzo www.richslots.it. I colossi del settore come Net Entertainment e Microgaming, possono dormire sonni tranquilli.

Read More
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services

Share This

Share this post with your friends!