Galveston

Progetti audiovisivi

Il ritorno di Windows Movie Maker

Posted by on Apr 24, 2018

C’era una volta Windows Movie Maker. Chiunque avesse installato sul proprio personal computer Windows come sistema operativo aveva a disposizione questo software, per certi versi elementare ma anche molto funzionale, per creare o editare filmati e video immagazzinati nella memoria del proprio pc. L’ultimo aggiornamento di questo software risale al 2012; nel 2017, infine, Microsoft ha smesso di inserirlo nel pacchetto base del suo sistema operativo ed è quindi definitivamente andato in pensione… o almeno così pareva. Di fatto le ultime due versioni di Windows, la 8 e la 10, sono state pubblicate senza avere alcun editor video incluso: ma in realtà Windows Movie Maker è ancora presente nel sistema operativo Windows, solo che bisogna sapere bene dove guardare per trovarlo. La nuova vita del popolare software di manipolazione video ha inizio nel maggio 2017, quando Microsoft ha annunciato il lancio di un nuovo software per video editing chiamato “Story Remix” la cui peculiarità doveva essere la possibilità di inserire nei video oggetti creati in 3D. Story Remix doveva far parte di Windows 10 Fall Creator. Quando questo progetto si è concluso, Story Remix ha ridotto le sue funzionalità diventando molto più simile ad un semplice strumento di editing video. A questo punto Microsoft ha deciso di riutilizzarlo inserendolo nel suo sistema operativo non come app a se stante, ma accoppiandola ad un’app già esistente, quella della gestione Foto. Per usare il programma di manipolazione dei video, quello che potremmo definire il novello Windows Movie Maker, è necessario dunque avviare l’app Foto e importare il filmato da modificare tramite il comando “Importa”. Bisogna tenere presente che questo software non permette di importare dei file singoli ma bisogna necessariamente aggiungere delle intere cartelle. Una volta acquisito il folder desiderato, tramite il comando “crea” si può scegliere di dare vita ad un “Video personalizzato con musica”. A questo punto l’app farà il resto da sola, creando un filmato con della musica di accompagnamento usando tutte le immagini presenti nella cartella selezionata. L’utente può vedere come risulterà il video attraverso l’anteprima, e quindi fare tutte le modifiche che desidera usando la linea dello Storyboard. Grazie allo Storyboard si possono spostare i fotogrammi, tagliare il filmato ed operare altre modifiche. Ancora una volta, quando l’utente vuole verificare come sta venendo il suo lavoro, potrà usare la funzione di anteprima. Al filmato, proprio come consentiva di fare Windows Movie Maker, si possono aggiungere titoli in sovraimpressione digitando del testo che poi può essere editato a seconda degli stili preimpostati. Si possono aggiungere effetti di zoom, cornici, e soprattutto si può selezionare uno dei “Temi” presenti di default. Ogni tema abbina musica e titoli. Altre modifiche si possono apportare con i filtri, simili a quelli usati da Instagram. La feature più innovativa è quella relativa agli effetti 3D, che si possono personalizzare in tanti modi diversi grazie al cursore presente sotto la casella dell’anteprima. Se il brano musicale usato dal tema scelto non piace, l’utente può cambiarlo usando file audio presenti nel proprio computer. Della musica è possibile anche regolare il volume. Quando infine si è completamente soddisfatti del risultato ottenuto, per salvare il filmato si deve usare il comando “Esporta o condividi” selezionando tra le tre dimensioni a disposizione (piccola, media o grande). Il filmato viene salvato come mp4 e, volendo, può immediatamente essere condiviso, ad esempio, tramite Skype, o su YouTube. Windows Movie Maker è tornato ed è più completo e semplice da usare che mai!

scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services

Share This

Share this post with your friends!